Legambiente – #UnSaccoGiusto

C’è sempre una storia dietro ogni cosa.
Fortunato Cerlino ci insegna come “starci attenti”

LOGO Legambiente

 

In sintesi

Legambiente voleva: sensibilizzare il grande pubblico al fenomeno sempre più critico e diffuso riguardante la presenza di sacchetti shopper illegali all’interno della grande distribuzione organizzata.

A coinvolgere ulteriormente gli spettatori la presenza di Fortunato Cerlino, attore che interpreta il personaggio di Pietro Savastano nella serie Gomorra.

Soluzione: Il team Don’t Movie ha scelto di mettere alla prova il grado di attenzione riservato ai particolari, specialmente quando si è concentrati nel seguire la trama di una storia. E’ nato così #UnSaccoGiusto, un video-cortometraggio di sensibilizzazione sociale dall’alto potere d’immedesimazione.

L’azienda

Legambiente è una delle maggiori associazioni ambientaliste di matrice scientifica italiane, erede dei primi nuclei ecologisti e del movimento antinucleare che si sviluppò in Italia e in tutto il mondo occidentale nella seconda metà degli anni ’70.

Ad oggi Legambiente vanta la maggiore diffusione capillare sul territorio italiano, con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi e più di 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali.

Il partner

KField Comunicazione srl ha come obiettivo l’ideazione e accelerazione di progetti innovativi di impresa e di comunicazione con attenzione ai temi dei nuovi stili di vita, della Blue Economy e di una misurabile sostenibilità ambientale e sociale.

Cosa è emerso dal brief con Legambiente?

A Don’t Movie e Kfield è stato chiesto di realizzare un video adatto alla proiezione sul grande schermo, capace di mettere in luce una forma di criminalità sotterranea e spesso ignorata: quella della diffusione di sacchetti shopper non certificati.

Per sfruttare al meglio la partecipazione dell’attore Fortunato Cerlino ed esaltarne le doti attoriali, Legambiente ha scelto per questo video la forma di monologo.

Come si è svolta la lavorazione?

Don’t Movie e Kfield hanno sviluppato il concept di #UnSaccoGiusto partendo dallo studio approfondito del personaggio: abbigliamento, gestualità e linguaggio sono stati scelti per esaltare al meglio le doti attoriali di Cerlino, e coinvolgere appieno lo spettatore.

La creatività per lo spot è un’evoluzione del test di Daniel J. Simons sul fenomeno detto “inattentional blindness”.

La location, un supermercato, è stata scelta pensando ad un luogo che fosse presente nella quotidianità di ognuno e facilmente collegabile alla diffusione di sacchetti shopper.

Per la regia di #UnSaccoGiusto Don’t Movie ha optato per un piano sequenza unico, attuando tutti i cambiamenti nei dettagli di scenografia durante una unica ripresa.
Una volta aver individuato la giusta location, il la casa di produzione video ha costituito la troupe tecnica, per questo lavoro composta dal direttore alla fotografia, un operatore steadycam, un focus puller e, ovviamente, il regista.

La regia ha presieduto a tutti i dettagli di natura tecnica, e i due assistenti alla regia si sono occupati l’uno della direzione dei cambiamenti di scenografia, l’altro delle sostituzioni delle comparse.

L’attenzione da parte della troupe si è concentrata sull’agevolare al massimo ogni spostamento, variazione e sostituzione.

Tutte le modifiche riguardanti lo sfondo della scena sono state affidate ad una scenografa, che ha individuato il modo migliore per cambiare velocemente il maggior numero di elementi possibili, facilitandone lo spostamento anche attraverso la supporti scenografici su rotelle.

Stylist e relativa assistente si sono invece occupate della scelta degli abiti di Cerlino e degli attori, oltre che delle necessarie dinamiche di cambio in velocità.

Le riprese sono state precedute da mezza giornata di prove, necessarie per assicurare la buona riuscita dello shooting. Era infatti necessario sincronizzare al meglio con tutti i movimenti di macchina la recitazione del protagonista, i movimenti delle comparse e i cambi di scena.

#UnSaccoGiusto è stato interamente ripreso con due Sony FS7 in 4k, con ottiche cinematografiche.

Dopo il montaggio sono stati effettuati diversi test con il pubblico di riferimento, così da individuare il giusto mix di variazioni in scena. A tal scopo, sono state montate più versioni del video.

Durante la post produzione sono state realizzate e inserite all’interno del video grafiche in Motion Tracking, così da rendere ancora più evidenti i cambiamenti.

Il video è stato finalizzato con color correction, audio mixing e con la composizione di una colonna sonora originale.

Esito

Il video, presentato il 9 giugno 2016 presso la Casa del Cinema, è stato riportato dalle principali testate nazionali. Nel solo primo giorno di pubblicazione ha superato il milione di visualizzazioni, diventando immediatamente un video virale.

Il video, oltre che sul web, fa parte di una campagna di comunicazione sociale presso più di trecento sale cinematografiche e sui canali della piattaforma Sky.

Cut

Di seguito i cut da 15″ che hanno anticipato l’uscita e quello da 30″ per la pianificazione cinematografica e televisiva.

Foto backstage

Tutti i lavori per lo stesso cliente